Come ottenere la Decennale Postuma

Controllo Tecnico per Decennale Postuma

Come ottenere la Decennale Postuma

Il Controllo Tecnico come attività ispettiva può, ove esplicitamente previsto nel contratto, essere finalizzato (a titolo d’esempio non necessariamente esaustivo):

  • A ottenere la Polizza Decennale Postuma
  • A supporto del Committente

    • nell’ambito di accertamenti necessari a definire lo stato di consistenza di opere la cui realizzazione risulti interrotta e non siano collaudabili;
    • nell’ambito di accertamenti volti a comparare lo stato iniziale e finale di un’opera su cui è stato inserito un intervento di miglioramento/adeguamento delle prestazioni;
    • nell’ambito di accertamenti necessari per dirimere i contenziosi tra le parti coinvolte nella realizzazione dell’opera;
    • nella verifica in corso d’opera ed alla conclusione dei lavori nei termini contrattuali previsti.
Controllo Tecnico per Decennale Postuma

Come viene svolto il Controllo Tecnico in cantiere?

Il Controllo Tecnico si articola i due fasi:

  • Esame del progetto;
  • Controllo delle opere in sito.

L’attività ispettiva è impostata con criteri necessari per la definizione e la frequenza dei controlli e tali da garantire un livello di probabilità adeguato:

  • Alle finalità definite nel contratto tra Cliente e OdI;
  • Al soddisfacimento dei requisiti fondamentali previsti in progetto.

Per ottenere questo risultato l’OdI può ricorrere ad una “normalizzazione del rischio” e alla quantificazione della conseguente attività di controllo che verrà effettuata prendendo in considerazione:

  • Contenuto tecnologico e complessità costruttiva;
  • Destinazione della costruzione, suo uso e criticità del requisito in esame.

I risultati dell’attività dell’OdI sono riportati in uno o più Rapporti atti a fornire una puntuale valutazione in merito alla eventuale presenza di non conformità non risolte e quindi di aree di rischio con riferimento ai requisiti stabiliti.